La senti?”
Cosa?”
Questa melodia. Lei è questo.”

Scorrono leggere note di un pianoforte, un accordo armonioso, in perfetto disaccordo con il mondo.
È tutto tranne che nulla.
Mare PesaroÈ nulla tranne che tutto.
È il suo contrario, il suo opposto.
È un ossimoro: è amore, è odio…
È libertà, è catene…
È oscurità, ma ti protegge alla luce fioca di uno sguardo.

Cammina leggera sulle acque del mare, non sembra nemmeno toccarle; lei vola su quelle acque, lei ne appartiene interamente.
Non trattenerla, non capirla, amala se vuoi, o lasciala andare via per sempre.

Il suo nome vorrebbe essere come il mare; oscuro come la profondità, chiaro come quella spuma leggera prodotta dalle onde che si schiantano presuntuose sugli scogli, e poi timide tornano a confondersi con l’infinito.

Sono quello che (non) sono.

Ho un’età che non importa, perché comunque domani sarà un giorno in più.
Di fatto sono laureata in Filosofia, in teoria sono un ibrido, ma Filosofa Atipica mi piace di più: a metà tra l’Antropologia e le Neuroscienze, studio la mente umana per capirne i cuori.

Tremendamente sensibile ho il mare nel cuore.

Scrivo da sempre, da quando ho capito che le emozioni sono belle da vivere e anche da ricordare.

Scrivo di tutto, dai fatti di cronaca, alle scoperte scientifiche, ma nei flussi di coscienza emerge tutto il mio essere.
Nella realtà ho un corpo che vive negli orari del mondo, nei sogni mi dedico solo alla scrittura di emozioni.

In potenza sono felice, in atto…sono lunatica.

Un po’ qui e un po’ di lì, mi troverete con la testa tra le nuvole ubriaca di vita.

Filosofa Atipica

 

Share