Arrivo dopo qualche anno,
ma non mi lasci mai indietro.
Sempre accanto a me,
al massimo un passo avanti,
per proteggermi dai pericoli.

Arrivo dopo qualche anno,
ma non me lo fai mai pesare
che io ho sempre una giustificazione per tutto,
che io ho già la strada “spianata”.

Arrivo dopo qualche anno,
e tu,
sorella,
ti prendi sempre cura di me,
anche oggi,
che sarai sempre la maggiore,
ma che io anche sto crescendo.

Ti prendi sempre cura di me,
anche ora che non condividiamo la stessa cameretta,
quella cameretta che ci ha visto piangere,
ridere,
crescere,
scherzare e sognare
sempre insieme.

Ti prendi sempre cura di me,
perché tu sei immensa,
lo sei con me e lo sei con tutto.

A te la vita viene facile,
anche se non te ne rendi conto,
anche se spesso ti senti fragile.

Non c’è nulla che tu non sappia sistemare,
aggiustare,
curare.

Non hai il pollice verde,
eppure una piccola rosa,
indifesa,
“spacciata”,
guardala lì.

Rinasce, ce la fa di nuovo,
grazie a te, che non ti arrendi mai,
che non ti arrendi con nessuno,
che non lasci mai indietro.

Guarda quella rosa.
Era secca, vuota, e ora sta nascendo,
perché tu, con la cura dei dettagli,
con la pazienza che ti contraddistingue
e la bontà che ti appartiene,
ci provi sempre.

A te l’amore viene facile,
anche se spesso hai troppa paura per ammetterlo.
A te viene tutto facile,
perché sei fatta per brillare
e per far brillare chi hai accanto,
come fai con me da una vita.

A te viene facile tutto,
e a me viene facile volerti bene,
perché sei così,
semplicemente vera!

Filosofa Atipica

Share
60 views